Bias Cognitivi

Cosa sono i bias cognitivi e come ci influenzano.

🧠 IL NOSTRO CERVELLO VUOLE FARE IL MENO FATICA POSSIBILE!

Ogni giorno il nostro cervello è inondato da milioni di informazioni. Troppe, rispetto a quante ne potrebbe processare correttamente.

Questo è il motivo che porta il cervello umano a ricorrere a delle strategie cognitive per essere più veloce, risparmiare tempo e fare meno fatica.

A tal proposito, esistono delle vere e proprie scorciatoie mentali che però, molte volte, ci portano fuori strada facendoci inciampare in un susseguirsi di errori di ragionamento e di valutazione che prendono il nome di bias cognitivi.

bias cognitivi

🗣 HAI MAI SENTITO PARLARE DEI BIAS COGNITIVI?

Sembra un termine particolarmente complesso, eppure riguarda da vicino alcuni fenomeni della nostra quotidianità che ci vedono coinvolti più di quanto immaginiamo.

Un bias cognitivo è, nella sua accezione più ampia, una distorsione cognitiva dei processi mentali che può influenzare percezioni, giudizi e decisioni.

Non è altro, quindi, che un pregiudizio cognitivo o un errore sistematico di pensiero che si verifica quando le persone elaborano e interpretano le informazioni circostanti, le quali influiscono sulle azioni di ognuno, incidendo sulla razionalità e sull’accuratezza delle decisioni e dei giudizi presi. 

I bias quindi sono dei veri e propri errori nelle decisioni causati da fattori quali la soggettività, l’emotività e la scarsa osservazione, forti a tal punto da esaurirsi in maniera rilevante sulle nostre interazioni. 

bias cognitivi

🧠 PERCHÉ IL NOSTRO CERVELLO SUBISCE GLI EFFETTI DEI BIAS COGNITIVI?

Il motivo scatenante il più delle volte è relativo all’esperienza.

Più le esperienze precedenti sono state segnanti nella mente delle persone, più vi è la possibilità che la scala dei valori venga alterata, conducendo ad un’ovvia distorsione della realtà.

Questa situazione si scatena quando ci sono, per esempio, forti credenze e influenze culturali oppure degli schemi mentali difficili da scardinare. 

La seconda motivazione riguarda il risparmio di energie: il nostro cervello vuole a tutti i costi risparmiare energie cognitive e lavorare senza fare fatica.

Questo, spesso, fa sì che il cervello decida di prendere delle scorciatoie che, però, non portando a soluzioni ottimali, facendo sì che insorgano i bias cognitivi.  

Infine, l’ultimo motivo consiste nel fatto che il nostro cervello, oltre a risparmiare energie, vuole portare a termine i suoi compiti il più velocemente possibile. 

Infatti, il pregiudizio cognitivo è un processo di pensiero sistematico causato dalla tendenza del cervello umano a semplificare l’elaborazione delle informazioni attraverso un filtro dell’esperienza e delle preferenze personali.

Il processo di filtraggio è un meccanismo di gestione che consente al cervello di stabilire le priorità e di elaborare rapidamente grandi quantità di informazioni. 

Sebbene questo meccanismo sia efficace, i suoi limiti possono causare errori di pensiero: quante volte nella nostra vita, in ambito lavorativo e non, facciamo degli errori di valutazione?

È quindi fondamentale capire cosa sono i bias cognitivi e perché sono importanti all’interno dei nostri processi decisionali.

Nel prossimo articolo andremo a capire come i bias cognitivi possano influenzare anche la vita lavorativa di una persona ed individueremo quali condizionano il rapporto con colleghi e clienti.

Grazie al coaching di BeAgile, sarai in grado di creare le condizioni per limitare gli effetti negativi dei bias cognitivi!

Il Team BeAgile ti supporta nell'organizzazione e ottimizzazione dei tuoi processi aziendali grazie all'Agile.

Compila subito il form per entrare in contatto il Team BeAgile.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sai quanto può risparmiare la tua azienda in termini di costi e tempo, grazie all'organizzazione dei processi e ad un maggior coinvolgimento dei collaboratori?

Te lo spieghiamo noi!👇